Terrazza a Mare, con la sua particolare architettura identifica immediatamente Lignano. Un locale con più anime: lo spazio interno con i suoi vani espositivi e il particolare arredo bianco a cui fa da contrappunto l’ampia terrazza che circonda il risto-bar con vista a 360°, per poi proseguire lungo il pontile che si protende sull'Adriatico.Sorge al confine col Veneto su una penisola disegnata dalla foce del fiume Tagliamento e dalla tessitura antica delle correnti dell’Adriatico, tra il mare aperto e la Laguna di Marano, nell’arco più settentrionale del Golfo di Venezia. Otto chilometri di sabbia finissima fronteggiano il mare e la rigogliosa e fresca pineta che copre in parte la penisola. La ricca vegetazione di Lignano è caratterizzata dalla presenza di specie autoctone o da tempo presenti sulla penisola: filari di lecci sul lungomare, pini neri, domestici o da pinoli, tigli, olmi siberiani, betulle, platani, ippocastani. Di notevole interesse è il mantenimento nel tessuto urbano di querce di notevoli dimensioni, testimoni di un aspetto dell’ambiente oggi scomparso. Qui visse per un periodo Ernest Hemingway.